Artigiano del cuoio, una pelle al vegetale con un cuore di metallo

artigiano-del-cuoio

Artigiano del cuoio, una pelle al vegetale con un cuore di metallo

artigiano-del-cuoioTra le tante novità della stagione stagione 2016-2017 è quella che viene proposta dall’ azienda “Artigiano del cuoio” a Ponte Egola: una pelle al vegetale con un cuore di metallo, cioè di un alluminio sottilissimo ma molto resistente, simile a quello utilizzato nel settore alimentare.Tale materiale favorisce la creazione di calzature, anche di borse che si accartocciano a piacimento, come se avessero una memoria in sé nelle piegature. La titolare dell’azienda Simona Marianelli, afferma“Un articolo molto elaborato, perché si tratta di aprire perfettamente a metà una pelle già sottilissima per introdurre la lamina”.

Una produzione iniziata nel 1920 grazie al nonno, Faustino Marianelli, che a Ponte Egola svolgeva tutte le fasi delle lavorazioni che, ai tempi, venivano svolte in maniera manuale. La produzione iniziava con la scorza dagli alberi era macinata per produrre il tannino, elemento primario per la concia al vegetale, e le pelli venivano immerse in vasche per settimane, mentre l’essiccazione dipendeva dalle condizioni meteorologiche: grazie al sole, le pelli venivano appese lungo le pareti dell’azienda.

Il successo dell’impresa sempre garantito, grazie all’abilità titolare e sul lavoro meticoloso dei dipendenti, che venivano premiati con un premio in denaro elargito alla fine della settimana lavorativa. Con il tempo è arrivata la necessità di espandere la produzione e di proporre ai clienti anche pelli da lavorare per calzature o pelletteria. E’ in questo contesto che l’Artigianato del Cuoio divenne un punto di riferimento nella filiera.

 

Il futuro senza lasciare la tradizione consolidata

La tradizione secolare continua grazie all’avvento dei figli nell’ attività, che adeguando le attività alle vigenti normative, non hanno tralasciato il passato fatto di sacrifici. Il nuovo know-how coinvolge tutte le decisioni aziendali, dalla scelta della materia prima fino alle successive fasi della lavorazione delle pelli. La produzione è in cuoio e pelle conciati al vegetale destinate ai settori della pelletteria, cinture, legatoria, calzatura e arredamento e le materie prime, selezionate attentamente sono di esclusiva provenienza europea.

 

Fonte: Tecnica Calzaturiera settembre 2016 pag. 69

Share this post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *