Il Saluto riconoscente ai dipendenti andati in pensione

Il Saluto riconoscente ai dipendenti andati in pensione

Non è stato il classico pranzo di Natale quello del 22 Dicembre 2019, per raccoglierci e scambiarci gli auguri ma una giornata, al contempo particolare e carica di emozioni quella che si è svolta all’Hotel Horizon di Montegranaro alla presenza di tutti gli addetti della Malaspina e di un nutrito gruppo di terzisti.

Con sorpresa, è stata realizzata una festa di congedo per il collocamento a riposo dei nostri 2 dipendenti: Federico e Silvano, pietre miliari dell’Azienda fin dalla sua costituzione nel 1970.

Un doveroso e sentito plauso alternato a momenti di fortissima emotività, che tutto il team aziendale guidato dal titolare Luigi Sbrolla, ha voluto riconoscere a loro non solo come apprezzamento per lo straordinario lavoro svolto, peraltro eseguito quotidianamente con grande competenza e spirito di servizio, ma in particolare per le notevoli capacità di accrescere e migliorare, con le proprie qualità umane, il comparto produttivo e logistico.

Dopo il condiviso e toccante discorso di Luigi, ai successivi e sentiti messaggi di stimata gratitudine tenuti dagli altri esponenti della Direzione, è seguita la consegna di due orologi con tanto di dedica personale, realizzati con il contributo della direzione, dei colleghi e terzisti, come segno tangibile di riconoscenza dell’impegno dimostrato negli anni. Inoltre, con stupore dei festeggiati sono stati riconsegnati, anche se in modo simbolico dato che adesso è tutto digitale, i libretti di lavoro con tanto di firma autografata proprio nella riga sotto, dove era stata registrata l’assunzione da Giancarlo Malaspina dopo 42 anni per Federico e 36 per Silvano, viene registrato il congedo pensionistico.

A conclusione della cerimonia, con gli ex-dipendenti visibilmente commossi sono seguiti i ringraziamenti e gli auguri.

Un momento di doveroso riconoscimento che lascerà impresso un piacevole ed emozionante ricordo.

 

Ecco alcune foto della giornata:

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.